Novità

Arrampicata femminile: lo stile indossato e in parete

Arrampicata femminile

Da diversi anni ormai mi occupo di abbigliamento dedicato all’arrampicata e, frequentando sia il mondo dilettantistico che professionistico, mi sono resa conto con piacere che finalmente abbiamo a che fare con un’ attività sportiva in cui il divario di genere si è quasi completamente livellato.

Durante le prime sessioni di allenamento in palestra mi sono accorta che potevo finalmente competere e confrontarmi con l’altro sesso senza che la forza giocasse un ruolo discriminante nei miei confronti e in generale delle donne.

Magari lo trovate un ragionamento fuorviante ma sapere che la flessibilità, la tecnica e la logica della mia mente potevano farmi arrivare dove i ragazzi arrivavano con la forza e anche oltre, è stato uno stimolo importante per la nascita e la crescita della mia passione per il climbing.

A controprova di questa constatazione ci sono i risultati delle grandi professioniste: Julia Chanourdie, Laura Rogora e Angela Eiter che hanno completato i 9b e gli obiettivi che molte altre ragazze stanno ponendosi, cimentandosi in gradi che si pensavano accessibili solo agli uomini.

Finalmente in uno sport fisicità e forza non sono l’elemento predominante, anche se non ne nego comunque l’importanza.

Arrampicata femminile: i punti di forza delle donne

Tra le motivazioni che riducono la differenza tra i generi in questo sport, ci sono a mio parere i seguenti fattori:

  • la moltitudine di stili e movimenti che permettono di arrivare all’obiettivo. Non c’è solo un modo di arrivare ad una presa, se sono piccola ma flessibile potrò utilizzare quest’ultima caratteristica a mio favore.
  • La testa: la concentrazione, la motivazione e la gestione del pensiero. Quando stai arrampicando, come ben so, può subentrare la paura dell’altezza, di cadere, di farsi male. Lavorare sulla gestione di questa può portare una ragazza ad essere molto più forte di chiunque si blocchi psicologicamente in parete.
  • La flessibilità. Se durante l’allenamento alla barra delle trazioni con gli amici maschi mi sento sempre poco performante quando ci si allunga e si pratica stretching sul tappetino, sono finalmente avvantaggiata 😊 (ovviamente si generalizza). Però è innegabile che la componente della flessibilità, molto più presente nel corpo femminile, sia un vantaggio non indifferente nella scalata.
  • La sensibilità intesa con una concezione molto ampia del termine.
Pantalone jersey donna MULTI Lully Monvic

Per comprendere meglio l’ultimo fattore “sensibilità” vi riporto un estratto di un’intervista trovata online dell’atleta Lynn Hill:

“per migliorare le mie capacità io parto da altri presupposti, e mi domando: perché non posso avere un approccio all’arrampicata più intelligente? Dirigere le mie energie in un modo più efficiente? L’idea (e la risposta) è che siamo noi che dobbiamo adattarci alla roccia, non il contrario […] cercando di spingere al massimo le mie percezioni e la mia sensibilità verso la roccia ed il mio corpo. […] Un’arrampicata smooth; sempre fluida ed in sintonia con la parete. Un movimento totale e armonioso per trovare il ritmo giusto, e non lasciare spazio ad altro pensiero che non fosse quello del gioco di salire. La ricerca insomma, dal mio punto di vista, del perfetto stato di ‘grazia’ dell’arrampicata”.

Abbigliamento per l'arrampicata femminile

Con il pensiero rivolto alla femminilità nell’arrampicata ho disegnato i modelli dei pantaloni lunghi di Monvic: il Violet, il Bonnie, il Katy, il Balzen.

Quest’ultimo nella sua semplicità e grazie alla fascia alta, è apprezzato molto anche dagli uomini, perché permette all’imbrago di essere indossato senza intoppi dovuti al bottone, alla coulisse e ai passanti.
Una curiosità da condividervi: sia in showroom che tramite le vendite online, ci siamo accorti che nonostante il machismo diffuso, tantissimi ragazzi invidiano le svariate possibilità che le donne hanno nella scelta dell’abbigliamento e quest’anno il floreale è stato acquistato per lo più da uomini.

Abbigliamento climbing per l'estate

Per l’estate ho disegnato e realizzato pantaloncini corti che ci permettessero di sentirci fresche e allo stesso tempo rispettassero la libertà di movimento necessaria nella scalata. E li abbiamo realizzati per tutti i gusti in termini di tessuti, colori e fantasie.

Abbiamo appena lanciato un nuovo modello per l’estate: la Gonna-shorts MINNIE con il pantaloncino integrato.

Comoda, femminile, elastica e divertente.

Minnie gonna pantaloncino Monvic 1

Gonna-shorts donna MINNIE

49,00
nero
  • Pantaloncino interno integrato
  • Ideale anche per giocare a Tennis, correre o camminare
  • Tessuto confortevole, morbido al tatto e super elastico

Infine, per chiudere il cerchio ci sono tutti i Top e le canottiere, in cotone classico o organico o in materiale tecnico.

Il TOP più venduto?

Il Jill realizzato in materiale sintetico pratico e comodo. Cucito in doppio strato di tessuto nella parte anteriore garantisce perfetto sostegno e resistenza per il seno con delle pratiche spalline intrecciate sul retro.

Jill reggiseno sportivo turchese donna per arrampicata e corsa

Ma il mondo Monvic al femminile è davvero grande! Scopri tutti i prodotti pensati e realizzati per le donne arrampicatrici e sportive e anche per tutte coloro a cui piace il comfort e l’originalità nella vita di tutti i giorni.

T-shirt donna (93)

Top donna (20)

Pantaloni donna (36)

Shorts donna (8)